Simulimpresa

Indirizzo professionale per i servizi commerciali - progetto “SIMULIMPRESA”

L’Indirizzo Professionale per i Servizi Commerciali dell’Istituto, nell’ottica della qualificazione scolastica, volta tanto ai fini della piena realizzazione degli obiettivi della Riforma, quanto ad un più concreto ed efficace raccordo con il mondo del lavoro e con il sistema di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), ha attivato nel corrente anno scolastico, con prospettiva pluriennale, il progetto “Simulimpresa”.

Il modello Simulimpresa nacque nel 1994, dopo una attenta analisi della situazione del mercato del lavoro, che aveva evidenziato un notevole gap tra il "mondo azienda" e il "mondo formazione-istruzione", ed ha come principale promotore la Regione Emilia Romagna.

Si tratta di una metodologia incentrata sulla riproduzione di situazioni reali. Tramite la creazione di imprese simulate “virtuali” e l’allestimento di un’apposita aula, vengono riprodotti fedelmente i vari uffici di un’azienda e l’impianto strutturale che essa comporta, con conseguente attribuzione di orari, compiti , mansioni. Tra le innumerevoli tipologie di utenti e destinatari  delle imprese simulate, in particolare per quanto concerne il settore amministrativo-contabile, figurano a buon titolo gli allievi degli Istituti Professionali. Questi ultimi infatti hanno come specifica finalità la formazione di:

  • giovani orientati ad un percorso di studi a breve termine, finalizzato all’immediato inserimento nel mondo del lavoro;
  • allievi con attitudini di tipo operativo, maggiormente motivabili con metodologie laboratoriali;
  • ragazzi  orientati al raccordo con i Centri di Formazione Professionale.

Non a caso, gli enti che partecipano al Programma Simulimpresa sono, oltre agli Istituti Professionali, Istituti tecnici commerciali, scuole medie inferiori, imprese, camere di commercio, associazioni di categoria, università, enti di formazione professionale.

In quest’ottica, il nostro Istituto partecipa già dal precedente anno scolastico agli incontri del sistema di Istruzione e Formazione Professionale, per creare convergenza di obiettivi tra i due, ed il programma Simulimpresa si colloca a buon diritto fra le esperienze attivate maggiormente formative. Il nostro Istituto ha inoltre creato un Comitato Tecnico Scientifico - Indirizzo professionale, che ha coinvolto rappresentanti delle istituzioni, delle principali associazioni di categoria, di piccole e medie imprese del territorio, al fine di un aperto e proficuo confronto tra gli obiettivi perseguiti dalla scuola in materia di competenze e le reali richieste del mercato del lavoro locale.

L’attivazione del progetto “Simulimpresa” ha comportato uno stage di formazione dei docenti a settembre presso la Centrale Nazionale di Simulimpresa, l’Istituto “ Don Calabria “ di Ferrara. Sono state create due imprese virtuali, denominate “LaViola” e “Imprimatur”, che si avvalgono virtualmente dei prodotti di due imprese madrine del territorio, “La sorgente del Benessere”  (Barigazzo di Lama Mocogno) e la ditta “Inco”  (Pavullo nel Frignano).

L’accesso alla rete tramite la Centrale Nazionale consente di commerciare “virtualmente” con tutte imprese simulate di scuole italiane ed europee che ne fanno parte.

Le classi coinvolte sono le due attuali prime dell’indirizzo professionale, con la prospettiva di un’articolazione triennale del percorso, che possa agevolmente condurre, al termine del terzo anno, all’acquisizione di due titoli:

  • la qualifica regionale di “operatore amministrativo- segretariale”;
  • la certificazione europea prevista per il programma Simulimpresa;

Il progetto consente quindi agli alunni di consolidare, con un’unica metodologia, competenze spendibili per due certificazioni in uscita. Non solo, il percorso si inserisce altrettanto bene all’interno degli obiettivi degli assi culturali e delle competenze europee di cittadinanza, permanendo comunque aderente  ai programmi dell’Istituto professionale del percorso quinquennale, per gli studenti che vorranno completare il corso di studi.

Il programma Simulimpresa potrà sostituire gli stage aziendali, previsti per legge nel nostro ordinamento. Sarà inoltre possibile inserire le classi, a partire dal secondo anno, all’interno della rete europea delle imprese simulate (oltre cinquemila), nell’ottica dell’internazionalizzazione del lavoro. Il modello Simulimpresa, nato nella Germania del primo dopoguerra, ha oggi infatti una rete vastissima in tutta Europa, con una forte presenza in Francia.

Uno dei punti di forza della metodologia è l’autonomia degli allievi. L’obiettivo dichiarato è quello di consentire loro, nel rispetto delle caratteristiche e peculiarità individuali, l’acquisizione di competenze trasversali indispensabili per l’inserimento lavorativo. In particolare si individuano come elementi e qualità caratterizzanti il lasciar fare, il senso di responsabilità, lo spirito di collaborazione, il lavoro d’équipe, le capacità propositive e risolutive e, in ultima analisi, efficienza ed efficacia.

I compiti principali della Centrale Nazionale di Simulazione sono relativi alla riproduzione del mondo esterno all’impresa, banche, clienti, fornitori, enti ufficiali (C.C.I.A.A., INPS, INAIL, Dogana, Posta, ecc.), servizi (utenze, trasporti nazionali ed internazionali, assicurazioni, leasing, ecc.), servizi del turismo. Inoltre la Centrale Nazionale di Simulazione esegue controlli sui documenti pervenuti dalle imprese simulate, individuando eventuali errori, che vengono segnalati al formatore dell’impresa, al fine di recuperare il deficit formativo.

La Centrale offre la consulenza in fase di avviamento delle imprese, la formazione dei formatori, il coordinamento della rete nazionale delle imprese simulate. Inoltre vengono definiti gli standard delle procedure al fine di ottenere buoni livelli qualitativi, sia per la rete nazionale che  internazionale. Tutti i  progetti entrati a far parte della rete Simulimpresa seguono  a livello di pianificazione e coordinamento un iter preciso e dettagliato, con costante monitoraggio interno.

Tutto ciò sfocia nell’accreditamento e nella certificazione finale dei risultati.

Convegno SIMULIMPRESA: Sabato 21 aprile, alle ore 11,15, presso l'aula magna dell' Istituto, si terrà il convegno "Simulimpresa: imparare facendo", organizzato e promosso dall'Indirizzo Professionale.